Mindy Kaling ha scelto di non nominare il padre del bambino sul certificato di nascita

Mindy Kaling è determinata a mantenere privata la sua vita privata.

ET riferisce che la nuova mamma, che ha dato il benvenuto alla figlia Katherine Swati Kaling il 15 dicembre, ha deciso di non elencare il padre di suo figlio sul certificato di nascita.

La segretezza di Kaling non sorprende. Anche se è stata legata alla sua ex Ufficio cola star B.J. Novak (si sono separati nel 2007) e lo scrittore Benjamin Nugent (si sono lasciati nel 2012), l’attrice in genere tiene abbastanza in silenzio i dettagli della sua vita sentimentale. (Tranne che a marzo, quando Cory Booker ha chiesto pubblicamente a Kaling di uscire su Twitter e lei ha risposto di sì, perché … duh.)

In un’intervista del 2015 con Buona pulizia della casa, Kaling si è aperto – in qualche modo – sulla datazione. “Quando ero più giovane, volevo così tanto sposarmi e avere figli in fretta, ho amato la relazione dei miei genitori”, ha detto alla rivista. “Non so che succederà per me, ma mi piace.” Ma il Rughe nel tempo star ha aggiunto che lei è più che OK se non lo fa: “Non ho bisogno di matrimonio, non ho bisogno che qualcuno si prenda cura di tutti i miei bisogni e desideri, ora posso prendermi cura di loro”.

Come ET sottolinea che il secondo nome di Katherine, “Swati”, è un commovente tributo alla defunta madre di Kaling, Swati Chokalingam, un’amica che ha fatto da ispirazione per Kaling Progetto Mindy personaggio. (Chokalingam ha perso la sua battaglia contro il cancro del pancreas nel 2012.)

Ad agosto, Kaling ha detto a Willie Geist di oggi che quando pensa a quale tipo di genitore vuole essere, pensa immediatamente a sua madre.

“Mia madre era incredibilmente fiera e così devota per noi, ci amava e voleva davvero che fossimo felici, non importa quello che abbiamo fatto”, ha detto. “La mia scelta di carriera non era qualcosa che lei conosceva e lei era così di supporto a questo e se potessi darlo a mio figlio, solo a quella apertura mentale, sarei così felice.”

Segui Redbook su Facebook.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

48 − = 46