Da quando ha lasciato la Chiesa di Scientology nel 2013, Leah Remini è diventata una delle critiche più importanti e autorevoli dell’organizzazione segreta. Il re delle regine la star ha scritto un libro a tutto tondo e ha prodotto una serie A & E su Scientology, rivelando segreti e spiegando il processo straziante di lasciare la chiesa.

Per essere chiari, la Chiesa di Scientology ha negato con veemenza ogni singola affermazione di Remini. Hanno creato un loro sito web per contestare i commenti di Remini sulla chiesa, e dire che ha creato una “opera drammatizzata di finzione” e “è dentro per i soldi”. (Puoi leggere la loro dichiarazione completa qui.)

Ma Remini e altri critici come lei dicono che stanno solo grattando la superficie delle pratiche clandestine della chiesa. Qui di seguito sono solo alcune delle rivelazioni più scioccanti di Remini sulla sua permanenza nella Chiesa di Scientology.

1. La lealtà è per la chiesa, non per la tua famiglia.

Nel suo libro di memorie, Piantagrane, Remini parla di essere cresciuto in Scientology con molti membri della sua famiglia come membri praticanti. “Non volevo crescere mia figlia nella chiesa perché da ciò che ho vissuto e da ciò che ho visto, la chiesa diventa tutto, tua madre, tuo padre, il tuo tutto. Tu sei dipendente dalla chiesa”, ha scritto. Ha anche detto che una volta che “ti disconnetti” dalla tua chiesa, ai tuoi amici e familiari è vietato entrare in contatto con te, qualunque cosa.

2. Hai un grande ego, anche quando sei un bambino.

In un’intervista per promuovere il suo libro, Remini dice che Scientology considera i bambini come esseri spirituali, e quindi non li tratta come bambini. La sua missione era “salvare il pianeta” e, a causa di ciò, “ti vengono date molte responsabilità e il tuo ego diventa estremamente gonfiato”, ha detto.

3. I critici della chiesa vengono molestati e perseguitati.

In un episodio di Leah Remini: Scientology and the Aftermath, Remini ha parlato con Mike Rinder, un ex portavoce della chiesa che ha lasciato e divenne uno dei suoi critici più importanti. Ha detto che mentre era ancora un membro della chiesa, il suo compito era “screditare qualcuno, scavare sporcizia su di loro, [e] far studiare i loro sfondi”. E dopo che se ne fu andato, disse che gli era successa la stessa cosa; la sua spazzatura è stata rubata e qualcuno ha persino installato una telecamera in una casetta per gli uccelli per guardare la facciata della sua casa.

4. La chiesa avrebbe coperto gli abusi.

Un episodio di Leah Remini: Scientology and the Aftermath ha raccontato la storia di Amy Scobee, ex membro della chiesa, che afferma di essere stata vittima di uno stupro statutario quando aveva 14 anni. I funzionari di Scientology sono stati avvisati, ma nessuno ha detto alla polizia o alla famiglia della vittima. Scobee ha detto che ha finito per incolpare se stessa.